C'eravamo Abbastanza amati...
"Così come in algebra due affermazioni false ne danno una vera,
così spero che il prodotto dei miei fallimenti si concluda con un successo.”
Vincent Van Gogh. (via stringimipiuchepuoi)

Non chiedo mica la luna.

Più ci penso e più mi viene da impazzire. Che cosa ho che non va? Si ok, non sarò la lesbica più affasciante che si possa trovare. Ok non rincarno affatto lo stereotipo della lesbica da tumblr e tv. Però cazzo, ho visto cesse a pedali cambiare fidanzata con la stessa frequanza di un cambio di mutande al giorno. Mi domando se sono io il problema, o loro. Come faccio a non trovare una di ragazza?! Dio. Più ci penso e più mi incazzo. Non pretendo mega fox, ne una cervellona, ricca e “vip” vorrei solo qualcuno che non mi facesse sentire tanto sola e noiosa. Che riuscisse a farmi sentire speciale e chesso magari anche un po voluta bene. Ho centinaia di amici, una vita che corre veloce, e tanti peogetti per la testa, ma se mi fermo a riflettere, se mi stendo sul mio letto la notte, mi sento terribilmente sola. Vorrei sola gettarmi tra le braccia di qualcuno e sentire il suo calore invadermi l’anima. Vorrei svegliarmi e sapere che mi aspetta il suo splendido sorriso, e le sue labbra morbide. Ogni giorno mi guardo allo specchio e mi faccio sempre la solita domanda: “perché?” È una domanda generale che riguarda tutta la mia vita, perché la mia vita è proprio questa, una domanda, una domanda che rimane tale, perché non so mai quale sarebbe la risposta giusta. Qualcosa di sicuro c’è che non va in me, ma non so cosa. E probabilmente non lo saprò mai. Però porco cazzo, quando avrò la mia rivincita? Forse l’avevo trovata, ma se sono in queste condizioni, forse non era proprio Lei la mia rivincita, per quanto, lo ripeterò sempre, Lei è stata un evento così sconvolgente che non ho potuto far altro che amarla. Ma di amare a senso unico ora come non ci riesco, non ci riesco proprio, troppe delusioni, troppe cose da sopportare, per poter mette un tale peso sulle mie spalle. E allora scusami, ma questa volta di fingere non mi va più.

"Ero lì per te,
se solo te ne fosse importato.”
James Blunt  (via mariofiorerosso)
"You cannot understand good design if you do not understand people; design is made for people.”
— Jason VanLue at CreativeMornings Orlando (via creativemornings)
"Mi hai lasciato scritto torno subito sulle labbra e non sei tornato mai.”
Vasco Brondi. (via doyouthinkyouarehappy)
©